Saviano e Maroni: ovvero di pesi e di misure

Questo non è un post su chi abbia ragione (nel merito dei presunti rapporti Lega – ‘Ndrangheta) tra Saviano e Maroni. Nè potrebbe esserlo: non conosco le carte, come si dice in questi casi. Sentito Saviano non mi era sembrato affatto sopra le righe, poi oggi ho letto questo e mi è venuto qualche dubbio, ma poco so e dunque non voglio prender parte. Questo è invece un post sul diritto di replica chiesto da Maroni e fino ad ora negato.

Mi era già capitato di notare come Saviano e Fazio a volte non siano proprio coerentissimi con i principi che enunciano (sulla necessità di concorrenza, sulla trasparenza in RAI), ma quelle erano piccolezze, spigolature. Qui credo si stia esagerando con il doppiopesismo autoassolutorio. Vale per Fazio e Saviano, vale a maggior ragione per certa “sinistra” (le virgolette sono d’obbligo) parolaia e perennemente (e rassegnatamente) indignata.

Ci avete spiegato che era un suicidio per la RAI rinunciare alla trasmissione per l’audience che avrebbe fatto, ci avete spiegato che la macchina del fango calunnia senza lasciare il diritto di replica, ci avete spiegato che la RAI vi voleva censurare. Tutte cose che ci hanno portato (giustamente) a reclamare che Vieni via con me andasse in onda. E ora che fate? Rinunciate ad un faccia a faccia Saviano – Maroni che porterebbe gli ascolti alle stelle? Negate a Maroni il diritto di replica? Censurate la presenza di Maroni, “accampando scuse” (come direbbe la suddetta sinistra se la cosa riguardasse uno del club…)?

Non ce ne sarebbe bisogno perché per me il principio che state violando (quello della coerenza e dell’onestà intellettuale, ma anche quello di non contraddizione) è sacro, ma a “favore di pubblico” aggiungo una considerazione più strumentale. Così di Maroni ne state facendo una vittima, gli regalate consenso facile tra i suoi: che fine volete che faccia quella goccia di dubbio che forse si è instillata nella testa di un militante leghista grazie a Saviano, oggi che può più agevolmente dire “se non lo lasciano nemmeno replicare vuol dire che è tutto falso”?

Annunci

12 comments

  1. Così si snatura la trasmissione: concedere diritto di replica a uno significa poi doverlo concedere a chiunque si senta tirato in causa, per cui o fai diventare metà della trasmissione un talk show, un duello Saviano vs quello tirato in ballo nella puntata precedente o smetti di parlare di cose che possano dare fastidio.

    Maroni non trova di meglio da fare che frignare, lo farebbe anche se finisse per ottenerlo lo scontro con Saviano: tanto dubito fortemente che i leghisti guardino Saviano o che addirittura gli diano retta, in questo momento Maroni deve solo cercare di salvare la faccia, mica i voti. Insomma, Maroni ne ha approfittato per fare la vittima prima ancora che Saviano finisse di dire “Lega Nord”, e non smetterà certo dopo (tra l’altro, per quanto mi riguarda, è un bluff di Maroni: se Fazio e Saviano accettassero – e Saviano lo ha già fatto, si veda l’intervista di oggi su Repubblica – Maroni declinerebbe, perché si troverebbe davanti a un giornalista che parla di fatti).

    P.S.: l’unica soluzione accettabile, secondo me, è quella à la Report: Maroni scrive una letterina a Fazio e questi la legge prima, durante o dopo la trasmissione. Lo ripeto: Vieni via con me non è un talk show, non è un varietà, non è una tribuna elettorale, bensì un approfondimento.

    1. non sono d’accordo (altrimenti non avrei scritto il post), ma il dissenso è il sale del blogging :-). però faccio una precisazione per chi non abbia voglia di andarsi a cercare l’intervista su repubblica citata nel commento: Saviano non dice mai che accetta l’intervento in trasmissione.

      1. >Saviano non dice mai che accetta l’intervento in trasmissione.

        E io per questo ho precisato che solo Saviano ha accettato il faccia a faccia ;-) (Saviano, in pratica, è l’ospite fisso, ma la trasmissione è di Fazio – soprattutto ideata e/o prodotta da Fazio con il contributo di Endemol).

  2. (Manca il tastino replica sotto il tuo commento precedente)

    > Saviano è autore della trasmissione al pari di tutti gli altri

    Se fosse così semplice, perché scrivono solo “Fazio e Saviano”, ma non anche “Galeotti, Posani, Piccolo e Serra”, come precisato sotto? Teniamo i piedi per terra: è semplice marketing, il nome Saviano vende. ;)

    1. discussione abbastanza sterile e alquanto OT (che dunque troncherei qui), ma comunque: hai ragione, non “al pari di tutti gli altri”, ma certamente al pari di fazio. nulla cambia rispetto alla mia obiezione :-)

  3. Insomma, dobbiamo trasformare un programma di tv in tribuna politica?
    Perché se saviano ha detto il falso, Maroni non lo querela, come gli piace fare ultimamente?
    E perché soprattutto, caro Champ, dobbiamo interessarci di simili idiozie, quando sono sedici anni che assistiamo alle peggiori bugie, senza diritto di replica, in totale sbilanciamento di un intero sistema radiotelevisivo?
    Te lo dico io perché, perché a sinistra, siamo tutti così liberal (non parlo di te), da cercare sempre il pelo nel lavoro di santoro, di floris o di fazio facendo finta di non vedere la trave nell’occhio di minzolini, di mimun, di fede, o per venire all’intrattenimento, di Bonolis o De Filippi.
    Ogni giorno di più, mi convinco che Saviano ha ragioni da vendere sui meccanismi della macchina del fango.

    1. E perché soprattutto, caro Champ, dobbiamo interessarci di simili idiozie, quando sono sedici anni che assistiamo alle peggiori bugie, senza diritto di replica, in totale sbilanciamento di un intero sistema radiotelevisivo?

      Perché noi siamo diversi. Primo motivo.
      E poi perché non sono stato io a sostenere che VVCM dovesse andare in onda per via dell’odio e che la macchina del fango agisce lasciando cadere un’accusa “magari in un inciso di una frase” senza dare la possibilità di difendersi…

      1. E’ come per la storia dei fischi Champ.
        Tu continui a dirmi “siamo diversi”. Ma lo siamo in cosa? Si io, te forse tanta altra gente normale, lo siamo davvero. E forse in certe condizioni ci comporteremmmo in maniera diversa.
        Ma tanti presunti liberal, dalle nostre parti, non sono tanto diversi dagli energumeni come Sallusti. Hanno la stessa visione spregiudicata di come usare persone e fatti, di come rigirare frittate, senza cambiare mai niente davvero.
        E a me sembra che le polemiche su Saviano di questi giorni rientrino in questo clima paludoso e informe.

  4. Ma in che mondo vivete? Ma cosa sono questi piagnistei? Attendiamo “le carte”, senza tener conto degli accadimenti reali e relativa informazione quotidiana che poi diventa storia?? (V. P.Ginestre-Giuliano, P.zza Fontana, Pasolini, Ustica, segreto di stato su Brescia!! – non lo sapevo- ecc.ecc.ecc). Quelli si incazzano perchè finalmente qualcuno usa gli stessi strumenti che loro usano per denigrare o peggio per formare il loro elettorato, per svolgere invece cultura. E’ questa la ragione principe. Oltre il 30% di share per queste cose, contro quelli in decrescita di Grande Fratello, De Filippi, programmi mattutini e pomeridiani, anche se occorreranno almeno 2 generazioni, suona campane a morto per un sistema formativo delle zucche italiane col quale sono invecchiato. Con buona pace delle elucobrazioni di Ricolfi e la marea di dati di Diamanti sulla evoluzione dell’elettorato. Io, per me, confido comunque nella interattività invece che nel broadcasting e per questo ringrazio Marco C. per questa ospitalità.
    Ciao a tutti
    Carlos

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...