Metterci con Casini? Intanto togliamoci dai casini

L’unica cosa che mi può far cambiare opinione è che scelga il Pd; cosa che si ostina a non fare. Il Pd cerca semmai di assemblare; ma io non sono assemblabile. Noi non possiamo fare alleanze di governo con chi sbandiera il giustizialismo come Di Pietro, o con chi come Vendola sceglie la Fiom anziché la Cisl e la Uil, Landini e non Bonanni.

Pier Ferdinando Casini, Corriere della Sera di oggi

Torno sulla questione “alleanze”, solo per puntualizzare un concetto. Un atteggiamento del mio partito che dicesse “abbiamo le nostre idee per il Paese, le approfondiremo e puntualizzeremo con chi accetta di allearsi con noi” sarebbe, come detto in tempi meno sospetti, il più coerente con la natura del Partito Democratico. Inoltre consentirebbe non solo – come ho detto ieri – di rispondere per le rime a Di Pietro, ma anche a Casini. E a Vendola, Rutelli, Grillo, il Popolo Viola, Fracazzo da Velletri… E toglierebbe molti “alibi” agli editorialisti dei maggiori quotidiani, alla casalinga di Voghera, alle correnti e correntine interne ed esterne e via enucleando.

Insomma, non so se porterebbe ad allearci anche con Casini (a quel punto dipenderebbe da lui), ma certamente ci toglierebbe dai casini. È un inizio.

Annunci

9 comments

  1. Bersani ha senz’altro sbagliato con quell’intervista del 17 dicembre che ha dato il via alla cagnara, senza aver prima formalizzato la proposta, e soprattutto la piattaforma di idee.

    Detto questo, Cazzullo si è dimenticato di domandare a Casini due cose.
    – Primo, come fai a dire che “sarà giusto riproporre questo discorso [quello della grande coalizione] all’indomani di eventuali nuove elezioni, chiunque vinca” e 5 cm di intervista dopo, domandarti “come si fa a pensare di poter proporre a un paese come l’Italia una coalizione da Casini a Vendola?”
    Ovvero: se pensi che una coalizione da Di Pietro e Vendola a Casini sia improponibile, com’è che diventa invece giusta post votum?
    Non è meglio allora farla prima, e farla uscire ratificata dal giudizio popolare?
    – Secondo, questo Cln che ora trovi umiliante e incapace di governare, non lo avevi proposto proprio tu, poco più di un annetto fa?

    1. Guarda che Casini non si contraddice affatto: la sua idea è scardinare il bipolarismo e ritornare ai governi parlamentari. In quest’ottica si va al voto tutti divisi (a morte i due poli) e poi in Parlamento si vede con chi fare il governo. Casini e il suo centro sarebbe nell’invidiabile posizione di poter governare sia con PDL+Lega che con noi.
      Il problema di un’alleanza con Casini è proprio questo: qualsiasi suo passo va verso il superamento del bipolarismo e quindi al venir meno della stessa ragione d’essere del PD. Se con Fini c’è incompatibilità ideologica con Casini c’è un’incompatibilità esistenziale.

      1. Diciamo che lo capisco, ciò che vuole Casini (e forse non ha tutti i torti, visti i risultati di serie B – B come Silvio – che l’innesto del bipolarismo a tutti costi ha prodotto nel nostro paese), solo che le parole che usa sono contraddittorie: farglielo notare, lo costringerebbe a un poco di chiarezza.
        Che non è nel suo interesse, mi rendo conto, ma i quello degli e-lettori (e dunque dell’intervistatore) sì.

  2. Condivido, ma quel punto bisognerebbe fare chiarezza all’interno del gruppo dirigente su quali sono le nostre idee. Al momento esistono molti documenti del PD sui principali temi dell’attualità. Documenti votati e ufficiali, che però gran parte del nostro gruppo dirigente non conosce o disconosce. D’altronde finora la segreteria Bersani si è caratterizzata per tirare dritto davanti alle varie fuoriuscite. Al di là di chi e perché sia andato via il minimo comun denominatore è la perdita di senso del PD come “partito dei riformisti”. Il rischio è che l’identità del PD (o meglio, ripeto, del suo gruppo dirigente) venga fatta per sottrazione di personale politico e, mi pare, anche di elettori. Tornare ad avere un partito chiaro e con una identità definita, ma al 16% non sarebbe un gran passo avanti. Alleati con Casini e/o Di Pietro.

    1. prima risposta semiseria: “un partito chiaro e con una identità definita, ma al 16%” sarebbe comunque un passo avanti rispetto ai ds: almeno avebbe un’identità definita…

      seconda risposta seria: chi la pensa come noi ha solo due possibilità davanti: aspettare il 2031 come propone luca sofri oppure fare battaglia politica

  3. forse non mi sono spiegato bene. io sono convinto, come te credo, che nei mesi passati il pd avrebbe dovuto insistere su pochi punti fondamentali di programma, e “stanare” gli altri partiti su questi punti. Bersani, con franceschini a fargli da eco, ha parlato per mesi di questa fantomatica “grande alleanza”, trascurando la questione fondamentale. cioè il programma dell’alleanza. fornendo alibi a casini, vendola e agli editorialisti dei giornali..penso che si sarebbe ancora in tempo per farlo, volendo

  4. Condivido il principio “abbiamo le nostre idee per il Paese, le approfondiremo e puntualizzeremo con chi accetta di allearsi con noi”, per cui non dovrebbe essere nella natura del PD un’alleanza “naturale” con chicchessia, ma il discorso riguardo a Casini mi sembra che si fermi alla parola “idee”.
    Voglio dire, siamo sicuri che si possa discutere con Casini per fare un’alleanza politica? Lo si potrebbe fare per cercare nuove maggioranze parlamentari forse (che però, come si è visto, non ci sono), ma un’alleanza politica dovrà pur basarsi su alcuni paletti irrinunciabili perché caratteristici dell’orizzonte entro cui vuole muoversi il partito? Ad esempio sulla scuola, ad esempio sul lavoro. Perché si sa già molto bene ciò che pensa Casini su alcuni temi, non si tratta di approfondire e di discutere. Perché altrimenti accade che ci si schiacci idealmente sull’una o sull’altra prospettiva di alleanza sacrificando la propria già eterea identità politica e insieme ad essa migliaia di voti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...