Parliamo di scuola in un modo un po’ diverso dal solito

Venerdì 8 aprile, alle 20.30, al Palazzo Stelline (Corso Magenta 61, Milano) si terrà un’iniziativa nazionale sulla scuola in vista delle prossime amministrative. L’evento si svolgerà contemporaneamente a Torino, Milano, Bologna e Napoli e sarà trasmesso in diretta su internet e – per quel che riguarda Milano – su Telelombardia. Il sito dell’iniziativa è questo. Presenti tutti i candidati sindaco delle diverse città e numerosi leaders nazionali del PD. Pierluigi Bersani sarà in collegamento da Bologna.

La serata vuole essere sia un evento politico, sia un evento culturale. A Milano saranno presenti tra gli altri Dario Franceschini, Giuliano Pisapia, Stefano Boeri, Marilena Adamo, Emilia De Biasi e Roberto Cornelli. Parteciperanno anche: il maestro e pedagogista Marco Rossi Doria,lo scrittore Antonio Scurati, il pianista Roberto Cacciapaglia, i comici Flavio Oreglio e Antonio Cornacchione. Saranno trasmessi diversi contributi video di altri personaggi della cultura che seppur non presenti vogliono portare la propria testimonianza.

Un appuntamento importante, da non perdere!

Annunci

7 comments

  1. Eh, sì, volevo dirlo anch’io. Un modo un po’ diverso dal solito di parlare di scuola sarebbe quello di far parlare chi ci sta ;-)
    Pensa che “evento”: saranno presenti Franca Rossi, Marcella Bianchi e Giacomo Verdini. E in collegamento da Poggio Mirteto Camillo Gialletti.

  2. Senti, Marco, stasera voglio essere sincero con te. Oggi ho ricevuto pessime notizie sulla riorganizzazione delle classi di concorso, vedo i sindacati fare una canea enorme senza mai centrare il punto, deputati come Russo e Fallica che sembrano contenti del fatto che la ministra prometta di non fare nulla ancora per un po.

    Ci trattano come pacchi e tutto sembra galleggiare come polvere sottile. Incluse le nostre vite. Ho provato a descrivere lo stato dell’arte sul mio blog (mi farebbe piacere la tua opinione). Per farti capire come mi sento: in questo momento non saprei veramente dire se mi sarà possibile continuare ad essere insegnante, a prescindere dalla mia volontà di far bene il mio lavoro.

    Ora ti rivolgo onestamente e direttamente la mia domanda:

    Da questo incontro verrà veramente fuori qualcosa in cui credere, o sarà l’ennesima pacca sulle spalle?

    Perché tutte quelle celebrità che hai citato, quelle che finiranno sulla stampa (al contrario degli anonimi colleghi), non potranno dire niente di veramente nuovo: non è il loro lavoro.

    Puoi veramente dire che ci sarà qualcuno, domani, in grado di dire qualcosa di diverso dai soliti proclami o dalle fumose dichiarazioni di principio?

    Qualcosa che mi porti a dire: non me ne vado da questo maledetto paese?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...