Pontida e l’incubo dei “barbari sognanti”

Roberto Maroni dal palco di Pontida ha definito “barbari sognanti” il popolo leghista che lo stava ad ascoltare dopo il comizio del Capo (sia stata la malattia, sia stata l’età, sia stato il momento politico, un comizio decisamente imbarazzante). Un Maroni in gran spolvero, coccolato dalla folla del prato di Pontida e addirittura incoronato premier da uno striscione che non è passato inosservato. Quello che Maroni sa e non ha avuto il coraggio di dire è che quei “barbari” sono arrivati alla kermesse con due sogni, non uno. Il primo sogno è sì “la Padania libera e indipendente”, ma quest’anno – probabilmente per la prima volta – ne avevano un secondo ben più importante: risvegliarsi dall’incubo rappresentato da questo governo e in particolare da questo Presidente del Consiglio.

continua su qdR Magazine
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...