Repubblica colpisce ancora e ci tratta da cretini

Repubblica lo ha fatto di nuovo. Dopo una gestione scandalosa dello speciale sulle Primarie per la premiership (molto “bersaniana”, diciamo), ci riprova con le elezioni politiche.

Il test per dirti a quale candidato premier sei più vicino è costruito per dare come risultato “Bersani” in modo più che probabile. .mau. ne ha portato una dimostrazione empirica, forse – in altri casi del passato è successo – presto qualcuno ne darà anche una dimostrazione più scientifica, basata sul calcolo probabilistico.

In attesa di questo volontario non restano che tre considerazioni. La prima è il mio solito pallino: manipolare l’opinione pubblica è una brutta cosa anche se lo fanno i presunti amici nostri, non solo se lo fa il cattivone di Arcore. Spero quindi che la sinistra “indivanada” non applichi il consueto doppio standard e si incazzi parecchio.

La seconda considerazione è contemporaneamente un corollario della prima e una giustificazione dei toni forti che uso per una cosa apparentemente insignificante. Queste cose fanno molti danni perché traghettano nel post berlusconismo tutte le caratteristiche di quest’ultimo, condannandoci ad altri 20 anni di brutta politica. Capisco che Repubblica non riesce ad immaginare se stessa in un mondo “deberlusconizzato” (o ha paura di essere potenzialmente marginalizzata), ma questo è un problema suo e un minimo di senso di responsabilità verso la comunità a cui si rivolge e verso il paese dovrebbe spingerla a non ricorrere a questi mezzucci per meri fini di business e di mantenimento del potere e delle sue rendite di posizione (in questo caso ideologiche).

La terza è una domanda. Ma che idea hanno a Repubblica del popolo italiano? O del popolo dei suoi lettori? Una massa di cretini incapaci di accorgersi che un test è manipolato?

One comment

  1. Non ho letto Repubblica, e non commento l’articolo, Commento il fatto che il test sia manipolato. Esistono test, indagini che non siano manipolati? Esistono sondaggi che non siano orientati? Occorre andare nei mercati, nei bar, fare telefonate di appoggio al candidato per accorgersi che il popolo italiano nella sua media è totalmente manipolabile. Altrimenti come si spiegherebbe 20 anni di berlusconismo?
    Noi dobbiamo cambiare, rendere i cittadini più capaci di critica costruttiva. ma non è compito dei media. Persino i giochi banali dei quiz televisivi sono “costruiti” vedi il film QUIZ SHOW.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...