L’intervista di Di Maio a Repubblica.

I consulenti di Di Maio hanno finalmente capito che la politica dei due forni può funzionare solo se sono entrambi accesi. O spenti.

Il Pd fino ad oggi ha tenuto spento il suo e Salvini non ha licenziato il cuoco di Arcore con il quale gestisce il proprio. Tutto questo ha tenuto sotto scacco il buon Di Maio: se il forno acceso è uno solo il suo tentativo di alzare il prezzo viene meno. Ed ecco finalmente una mossa furba: se non riusciamo ad averli entrambi accesi, si sono detti i pentastellati, proviamo a spegnerli entrambi. L’intervista di oggi a Repubblica di Di Maio è proprio questo: far intendere di voler spegnere il forno leghista per convincere il Pd ad accendere il suo.

Dobbiamo abboccare? Secondo me no perché come ho sempre detto la ragione del rifiuto non è solo tattica ma strategica: siamo incompatibili. Però un suggerimento mi permetto di darlo: prima di accettare, se proprio volete e/o dovete, accertatevi che l’altro forno sia veramente spento. Non chiedete a Di Maio di fare “passi indietro”, ma piuttosto di prendere una cisterna d’acqua e rovesciarla addosso al forno leghista. Fuor di metafora, qualcosa che segni un punto di non ritorno.

E infine, a prescindere, vale la regola aurea: una scelta del genere dovrebbe passare al vaglio degli iscritti e comunque dovrebbe essere avanzata da un segretario plenipotenziario, serve un segretario legittimato dall’Assemblea Nazionale. Può essere anche Martina, non è questione di persone, ma il mandato deve essere pieno, non quello da reggente.

Annunci

Un pensiero riguardo “L’intervista di Di Maio a Repubblica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...